Ad Menu

venerdì 15 febbraio 2013

[...] Un modo per facilitare la comprensione consiste nel comprimere quei 4,6 miliardi di anni in un singolo anno, come ha fatto Don L. Eicher nel libro Geological Time (Tempo Geologico).
Su questa scala, scrive Eicher, le più antiche rocce note datano all'incirca da metà di marzo. I primi esseri viventi sono apparsi in mare in maggio o, secondo recenti scoperte, un poco prima. Piante e animali terrestri hanno fatto la loro prima apparizione alla fine di novembre. I dinosauri sono divenuti dominanti a metà dicembre, quindi sono scomparsi il 25 dicembre. Gli esseri umani hanno fatto la loro apparizione a una certa ora della sera del 31 dicembre. Roma dominò l'Occidente per cinque secondi dalle 11.59' 45" alle 11.59' 50". Colombo scoprì l'America tre secondi prima della mezzanotte. James Hutton scoprì la dimensione del tempo geologico e William Smith imparò a leggere gli strati e i fossili appena più di un secondo prima della fine dell'anno, e questo fu anche il momento in cui alcuni scienziati cominciarono a sospettare che non tutte le specie esistite riuscirono a sopravvivere fino ai tempi moderni, e in cui cominciarono a essere portate alla luce le ossa delle più spettacolari di queste specie estinte. 

[John N. Wilford - L'Enigma dei Dinosauri]

Nessun commento:

Posta un commento